Le bacheche di Facebook ammazzano i morti due volte

Le bacheche di Facebook ammazzano i morti due volte. Non tocca più solo ai personaggi famosi – criticano noi giornalisti e blogger perché tiriamo fuori dal cassetto “il coccodrillo” su misura – e alle vittime dei fatti di cronaca, ma a chiunque se ne vada all’altro mondo. Mi sembra di essere tornato nei piccoli paesi. Tutti mormoravano nella lettura del manifesto del defunto per capire chi fosse, a chi appartenesse (guai se il tipografo ometteva il soprannome per cui era conosciuta la famiglia), e se poi era un giovane strappato alla vita cominciava la litania collettiva. Eppure non si capiva bene se questa ostinata partecipazione comunitaria al dolore fosse la sindrome paesana dell’appartenere tutti alla stessa razza o si riducesse a una curiosità folcloristica che ci mette poco a diventare cialtroneria inviperita.
Torno a ripeterlo: le bacheche di Facebook ammazzano i morti due volte. Appresa la triste notizia, la morte diventa “social”: trovi un messaggio che ti invita ad andare su una tale bacheca per guardare la foto taggata, accertarti chi fosse il malcapitato e lasciare il tuo messagino di cordoglio o uno degli aforismi mielosi e preconfezionati che circolano nei social network. A questo punto mi permetto di suggerire alle pompe funebri la vendita di un nuovo servizio: una fan page-lapide o la gestione post-mortem del profilo della persona scomparsa secondo i canoni dell’animazione del villaggio turistico “facebookiano”, anzi pacchiano (fa pure rima!).
Il dolore è troppo serio per finire spiaccicato nella piazza rumorosa della rete; il dolore è privato e tale deve restare, e non può essere vissuto come un passaparola, ma con le persone a cui ci sentiamo davvero vicini. E i legami non si costruiscono sul quantitativo di pseudo-amici che abbiamo in rete, ma nella realtà che ci porta a condividere le emozioni e ci mormora l’amaro “fujetevenne” eduardiano da queste visioni grezze e meschine, a cui mi ribello da quando scalpitavo nel pancione di mia mamma.

Annunci

4 thoughts on “Le bacheche di Facebook ammazzano i morti due volte

  1. Come se poi le bacheche di fb fosser il nuovo modo per resuscitare i morti. E’ tra le cose più vergogno che la gente non riesce a non fare su fb..

  2. Ormai i social network hanno preso piede nn solo nella nostra quotidianeità ma (ahimè) anche nella nostra vita morale e sentimentale….purtroppo ogni evento bello o brutto si comunica tramite la “finestra” di facebook….niente è più segreto,misterioso…
    ultimamente mi è capitato di conoscere delle persone che passate a “miglior vita!”….hann continuato a “vivere”e “interagire” attraverso il loro profilo di facebook!…..
    miracolo !!!???!!…
    direi di no..solo cattivo gusto!…
    nn si può trasformare tutto così…
    sopratutto un sentimento di dolore…
    nn posso accettare che chi sta dietro un parente morto , continua a pubblicare link, a mettere foto…a esprimere opinioni…..è inammissibile!
    pregherei (nn a caso!) di lasciare che sia solo la memoria del nostro dolore a riempire il vuoto lasciato da chi ci “va via”..e nn un profilo fasullo!
    vi prego….capisco il progresso…ma nn facciamo resuscitare chi nn c’è….questo miracolo, fin ora, solo un “essere supremo” ha saputo farlo! (a dir dei testi sacri!)..
    quindi nn sostituitevi a LUi….
    e lasciate che il dolore si maniofesti in silenzio e in modo più degno…
    nadia pink

  3. Mal tollero le scenate ai funerali, peggio ancora quelli che mi chiedono: “ma conoscevi?” “com’è successo?” “chissà a chi andrà questo e quello”. Una morbosa curiosità fine a se stessa per la quale dobbiamo ringraziare certi programmi pomeridiani e notturni.
    Salvo morte improvvisa, io chiuderò ogni mio profilo online in tempo per scampare a questa sorte impietosa.
    Che dimostra anche quanto poco le nuove generazioni siano abituate alla morte e alla discrezione che richiede. Non conoscono la “prassi del lutto” elaborato singolarmente, al più in famiglia. Oggi tutto deve essere elaborato “in comunità allargata” e poco male se questa ora si dispera e domani ha già dimenticato.
    Di questo passo smetteremo anche di avere una memoria personale, oltre che collettiva.
    Il tempo di internet non è il tempo della vita. Ma non puoi capirlo se non vivi offline ogni tanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...