Cara Befana, non portarmi più carbone!

Mi hanno costretto a scrivere il primo post del 2010. Uffà, anche quando sono in vacanza! Manuela, amica di vecchia data, mi ha preso per il colletto e mi ha detto: “Voglio vederti lavorare dal mio Pc”. L’argomento del post scritto a casa sua? Me lo hanno suggerito un gruppo di bambini appiccicati ad una vetrina, chiedendo alla mamma quale sarebbe stato il prossimo regalo della Befana. Sì, la Befana… quella vecchietta che sembrava una strega, ma in realtà era una fatina imbruttita. Continuavano a ripetermi che era una stupida invenzione dei genitori per raggirare i bambini. Invece no, nei primi anni ottanta, avevo messo in piedi un comitato che aveva come parola d’ordine: “La befana esiste”. L’immaginazione è un’arma così potente da poter mettere in subbuglio tutte le malelingue. Sono tanti anni che non ricevo più la calza perché il 6 gennaio non ci sono mai, sono in giro, e quella vecchia bacucca non saprebbe dove trovarmi. Tuttavia, mi ha preso sempre in giro! Sono stato sempre un suo acceso sostenitore, ma lei mi porta da anni un bel mucchio di carbone. Quest’anno spero di scovare nella calza la dolcezza di tutte le persone ritrovate nelle feste natalizie, quelle vere, quelle con cui ho condiviso la prima parte della mia vita. Cara Befana, non portarmi più carbone, ma il tempo libero necessario per tornare più spesso a fare il turista “per caso” nella mia terra d’origine.

Annunci

2 thoughts on “Cara Befana, non portarmi più carbone!

  1. Anche se una vecchia bacucca la Befana è sempre Befana mio caro Rosario!
    Penso che la speranza di addormentarsi e trovare l’indomani un regalo con la calza, sia dentro ognuno di noi e non solo nei bambini.
    Dovremmo essere un pò tutti Befane e portare un dono a chi si desidera, per rendere la festa sorprendente e sempre vivo l’amore…

  2. Leggendo il tuo articolo sono tornata indietro nel tempo, a quando anche io aspettavo trepidante l’arrivo della mitica Befana, ma, chissà perchè, arrivava sempre un minuto dopo che mi ero addormentata.
    Da piccola ero convinta (convinzione spontanea e non indotta) che la Befana e Babbo Natale fossero sposati e che, non avendo avuto figli, riversavano il loro amore su tutti i bambini del mondo.
    Oggi, che sono un’adulta (forse), mi piace guardare i miei figli quando sono ansiosi di sapere se Babbo Natale e la Befana hanno portato i doni e se hanno gradito il bicchiere di latte con i biscotti che avevano preparato per loro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...