Alitalia, finalmente la fine di una casta?

Il crollo di Alitalia, la compagnia di bandiera italiana, è l’ultimo atto dei residui della Prima Repubblica dell’Italia corrotta e sprecona. Questo tira e molla che va avanti da tempo continua a farci essere lo zimbello di mezza Europa. E il peso sulle tasche degli italiani? La situazione grottesca ha stuzzicato persino lo humor british della Ryan Air, che su alcuni aerei ha scritto a carattere cubitali: “Bye Bye, Alitalia”. Le low cost hanno messo fine al monopolio, rendendo i cieli europei alla portata di tutti. Nel 1998, per la mia tesi di laurea, sono stato costretto ad andare a Londra in autobus perché quella tratta aveva davvero prezzi da capogiro. Lo stato comoso di Alitalia mette fine alla casta dei piloti e degli assistenti di volo, abituati ad essere super pagati e a ricevere continui benefit, facendo rizzare i capelli ai colleghi europei. Li vedi arrivare in rogorosa divisa la mattina in aereoporto, a Fiumicino come a Malpensa, belli e lindi come Ken e Barbie. Hanno quella puzza sotto il naso e quello sguardo superbo tipico di pensa: “Chi cazzo se ne frega, chi mi toglie più dal trono”. Girovagando in rete si trovano una marea di dati allarmanti: tutto sommato un pilota vola per una media di “93 minuti al giorno” e pretende da Alitalia più di 108.000 euro all’anno. Per non parlare degli assistenti di volo che, con un buon grado di anzianità, possono azzuffare in busta paga fino a 87.000 euro. Mio padre ha lavorato con diginità all’Enel per 35 anni come caponucleo, rischiando ogni volta di scapezzarsi. Non metteva a repentaglio pure lui la vita quando si arrampicava con la squadra sui pali della luce? O il pericolo è solo di chi vola? Da ragazzino sognavo di essere figlio di un pilota per potermene andare a zonzo gratis in tutto il mondo. Oggi sono fiero che il mio papà abbia indossato “una tuta blu” , e non quella “divisa verde da casta” che nasconde sotto “merda e feccia”.

Annunci

3 thoughts on “Alitalia, finalmente la fine di una casta?

  1. FINALMENTE è FINITA!!!!!
    SE FOSSE DIPESO DA ME, AVREI FATTO FALLIRE L’AZIENDA, L’AVREI ACQUISTATA SENZA OBBLIGO NATURALMENTE DI TENERMI IL PERSONALE, E AVREI ASSUNTO GENTE NUOVA, MA NEANCHE UNO DI QUELLI CHE CI LAVORAVANO PRIMA.
    TUTTI CHE PRETENDONO DI ESSERE CONSIDERATI STATALI CON TUTTE LE AGEVOLAZIONI CHE GIA’ HANNO….
    MA CHE VADANO A SCOPARE IL MARE!!!!
    VERGOGNA!!!!!!!!!!

  2. Beh…loro sono solo uno dei problemi di Alitalia…
    Certamente vedere aerei che ogni giornovolano solo per portare piloti da Milano a Roma (per poi cominciare il lavoro!!)fa riflettere…

    Quello che succede oggi è scandaloso…quattro imprenditori (tra cui il presidente di Confindustria, alla faccia della concorrenza!!!) che chiedono di acquisire la parte buona di Alitalia e lasciare a carico nostro la parte indebitata…
    Che bello essere imprenditori…e che facile!!!!

    Che facessero allora una bella cosa: lasciassero fallire Alitalia!!!!!!!!!

    All’estero sarebbe fallita anni fa….e sarebbe rinata…e ora parleremmo di una società sana…

    Speriamo solo che non vada in porto il piano indegno che stanno portando avanti in queste ore…
    Saluti Rosario!
    Luigi

  3. Perfettamente d’accordo con te.
    Sicuramente è anche colpa dello Stao che li sopravvaluta, a scapito a volte di intere categorie di lavoratori che tacitamente portano avanti la loro battglia per la salvaguardia dei loro diritti.
    Un caro saluto e buonissima giornata
    Gabriella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...