Home

Peppino, Peppino, figlio dell’amore in quale vicolo batterà il tuo cuore…

Le persone comuni come Peppino sono state la calligrafia di queste pagine dell’Italia povera ma bella, prima sotto le bombe della guerra, poi sotto la luce della rinascita, il boom economico degli anni ’50, le feste fatte in casa degli anni ’60 a ritmo di twist, e poi ancora vita, vita, tanta vita.

STORIE

Rino Gaetano e le sue canzoni insolenti continuano ad essere attuali. Nella sua discografia, strizzata in soli 6 album in studio, c’è un fil rouge: l’essenza antilobbista del Rino di allora che oggi torna a scottare.
Come le canterebbe le lobby dei giorni nostri tra gay, vegani, influencer politicanti e animalisti incazzati?

TEMPI MODERNI

Chi si assume la responsabilità di questa tragedia enorme? Nei condomini osserviamo regole rigide per manutenzioni e revisioni dell’ascensore, perché non potrebbero esserci tempi più serrati per una funivia? Stresa non sarà più la stessa dopo questa follia lucida e assassina.

TEMPI MODERNI

L’opera di Franco Battiato, complessa e multiforme tra filosofia, meditazione, religione, spiritualità e musica, ha il merito di aver abbattuto tanti muri, concedendo alla mia generazione uno sguardo privilegiato sul Medio Oriente.

STORIE

Nei 32 anni di viaggi che mi hanno fatto toccare 51 Paesi e 5 continenti le canzoni di Franco Battiato hanno ispirato la scelta di alcune destinazioni o ne sono state colonna sonora. In entrambi i casi i versi e la musica del genio siciliano mi hanno accompagnato nelle esplorazioni da vagabondo, contribuendo a lasciarmi addosso le atmosfere e l’identità di ciascun posto.

REWIND

Riavvolgere il nastro non è un segnale di sottomissione alla nostalgia tanto, prima o poi, il tempo ti chiede il conto.

L’abbraccio

Perché mi chiamavano l’amico di Maradona…

Evviva Procida!

Finalmente “l’isola di Arturo” nominata Capitale della Cultura 2022

Musica Leggerissima

Colapesce e Di Martino sono i nuovi outsider della Sicilia.

“ ”

Cani randagi nella notte scura, la vita no, non fa paura.

(Antonello Venditti)